mercoledì 23 settembre 2015

accensione - a batteria

per l'accensione a batteria prenderemo in esame  i principali  componenti :

LA BOBINA
La bobina si  compone di un circuito primario  di uno secondario  nonché il nucleo. Il  tutto  perfettamente isolate, è chiuso  in un contenitore cilindrico che a una delle basi presenta due morsetti di bassa tensione  e uno centrale per l'uscita dell'alta tensione.
Ogni motocicletta è provvista di un interruttore generale dell'impianto elettrico che in posizione "chiuso ", impedisce  anche il passaggio della corrente a bassa tensione dalla batteria  al circuito primario della bobina.
A motorie spento  è importante ricordarsi di chiudere sempre l'interruttore  per evitare che la corrente della batteria (nel caso che i contatti del ruttore siano chiusi)  si scarichi totalmente  sul  circuito primario danneggiandone  anche gli isolanti delle spire per eccesso di calore.

IL RUTTORE
E' l'interruttore  che facendo circolare e interrompendo  continuamente la corrente nel circuito primario, provoca  la variazione di flusso magnetico necessaria per ottenere la tensione nel circuito secondario.
Normalmente esso è costituito  da un piattello metallico opportunamente  sagomato e forato al centro, al quale  è saldato  un perno su cui va inserita la levetta (spesso a due bracci con fulcro  centrale ) del contatto mobile.
Il contatto  fisso è riportato  su una sbarretta metallica perpendicolare a un supporto regolabile; quello  monile  è solidale a una levetta pure metallica il cui fulcro come detto è sul  perno del piattello.
Il contatto mobile è mantenuto  aderente a quello fisso  da una sottile lamina  di acciaio  elastico m al termine del quale  si trova il morsetto  a vite cui vanno collegati  i due fili provenienti  rispettivamente  dalla bobina e dal condensatore.

FUNZIONAMENTO DEL RUTTORE
Il piattello  viene fissato nella sua sede mediante viti in modo che dal foro centrale sporga la camma di comando del ruttore. Sul perno del piattello  vanno infilati  il contatto fisso  e quello mobile  nell'ordine.
Il supporto del contatto fisso  va inserito sul piattello mediante viti.
Durante  il funzionamento del motore la camma ruota e quindi  si avrà l'apertura dei contatti ogni volta che l'eccentrico  solleva il pattino  solidale con il contatto mobile.

COLLEGAMENTO  AL MORSETTO
IL filo che dalla bobina porta corrente alle puntine deve essere collegato  assieme al filo del condensatore  al morsetto a vite che si trova all'estremità  libera della lamina  elastica di richiamo del contatto mobile. Bisogna  però fare attenzione  a mantenere isolati i fili per fare ciò è necessario sistemare  le rondelle isolanti in fibra  che si trovano nel morsetto a vite , tra i capicorda dei fili e il supporto metallico  del morsetto:
Nel caso che i fili non siano isolati  il circuito  elettrico rimarrà sempre chiuso e le puntine saranno escluse  impedendo l'accensione del motore.

IL CONDENSATORE
E' una scatoletta cilindrica da una estremità della quale fuoriesce un cavetto elettrico  che va collegato  in parallelo a quello proveniente dalla bobina e diretto alle puntine. Il corpo del condensatore nel sistema di accensione è indispensabile  in quanto esso provvede a caricarsi  di corrente al momento in cui le puntine  platinate interrompono  il circuito elettrico .- Se il condensatore non assorbisse una certa quantità di energia di corrente questa come per inerzia  al momento del distacco delle puntine correrebbe una forte scintilla che diminuirebbe nella bobina la velocità di variazione del flusso magnetico  e di conseguenza non permetterebbe  di ottenere l'alta tensione necessaria per fa scoccare una vigorosa scintilla tra gli elettrodi  della candela Inoltre  le extracorrenti  di apertura (che causano  le scintille  che si sca
richerebbero tra i contatti in mancanza del condensatore) rovinerebbero rapidamente le puntine tanto da renderle  inservibili  in breve tempo
Una presenza eccessiva di scintille fra i contatti  a motore in moto è dunque sintomo  di scarsa efficienza del condensatore.

FUNZIONAMENTO DELL'ACCENSIONE  A BATTERIA  E RUTTORE

Dall'accumulatore  la corrente passa al circuito primario  della bobina lo attraversa e si porta sul contatto mobile de ruttore .
Essendo  il contatto fisso a mass, i  circuito  elettrico a puntine unite  è chiuso.
Con l'apertura dei contati si genera  all'interno del circuito  secondario della bobina una corrente ad alta tensione  che scaricandosi  poi sugli elettrodi  della candela produce la scintilla d'accensione

Nessun commento:

Posta un commento