venerdì 15 maggio 2015

la storia della Guzzi - il Falcone

Risale al 1947 la nascita del modello Falcone  moto grande sulla canonica cilindrata di 500 m cubi  che rappresenterà per un lunghissimo periodo  il sogno dei motociclisti italiani  (ricordiamo la cilindrata  e le dimensioni  rappresentavano il massimo della tecnica  motociclistica  del tempo)
anche  in questo caso Carlo Guzzi introduce una delle sue innovazioni  destinate a far storia  anche se  sarebbe opportuno  parlare di innovazione  in questo caso
in quegli anni  la sospensione anteriore  finora  generalmente affidata ad un sistema a quadrilatero  sviluppato  in diverse  forme  ad esclusione di Noto Guzzi che si affidava ad un sistema a biscottini  inferiori oscillanti (dal pregevole  comportamento stradale ma  dall'escursione limitata) stava adottando  sempre  più diffusamente  il sistema a forcella telescopica 
a differenza delle forcelle  finora utilizzate  dove il fodero era solidale alla ruota  Carlo Guzzi  ne ribalta il concetto  applicando  il fodero alla parte superiore (oggi il sistema iene definito a forcella rovesciata o upside-down)
con il grosso vantaggio di  mantenere la struttura  più rigida  nel punto di maggiore stress meccanico
in corrispondenza del canotto  di sterzo  risolvendo inoltre il problema dei carichi sospesi
ancora oggi le forcelle rovesciate  sono utilizzate nei modelli sportivi  per questa loro caratteristica

Nessun commento:

Posta un commento