mercoledì 24 giugno 2015

LA MOTO STAR DI HOLLYWOOD

Fat Boy
La Fat Boy è una moto dalla linea equilibratissima  che deve una buona parte della sua apparizione  a pochi mesi dal suo lancio  in quella pietra miliare  della cinematografia moderna  che è Terminator 2
 come dimenticare la scena  in cui Schwarzenegger  si rivolge a un brutto ceffo affermando con il solito aplomb  di volere i suoi abiti  i suoi stivali e la sua motocicletta prima di impossessarsene con la forza   e dell'inseguimento per le vie di Los Angeles

XLCR 1000
E' il primo  tentativo  di produrre una Cafè Racer  E' la moto di Michael Douglas nel film Black Rain  con cui batte  in una corsa clandestina una Suzuki  GSX-R 1100 F 

Hydra Glide
Capostipite della famiglia Glide  è la moto utilizzata da  Lee Marvin nel film il Selvaggio  celebre interpretazione  di Marlon Brando  capo della banda Black Rebel Motorcycle Club e motorizzato triumph

XR 750
una moto dalla linea inconfondibile  resa leggendaria dalla sua apparizione in On any Sunday  (il rally dei Campioni diretto e interpretato da  Steve Mc Queen

LA MOTO DI CAPITAN AMERICA
E' la moto usata da Peter Fonda in Easy rider una special realizzata sulla base di una Hydra Glide  lo stello modello di Harley guidato da Lee Marvin  una moto datata 1969 anno in cui  venne realizzato il film  non a caso i quattro esemplari  utilizzato per girarlo provenivano dal parco mezzi della polizia di Los Angeles  dalla quale i preparatori  Cliff Vaughs e Ben Hardy le avevano acquistate seguendo  le indicazioni che lo  stesso Peter Fonda fornì loro
i due customizzatori  trasformarono la vecchia cruise in un chopper  dando visibilità universale  a un trend  sempre più in voga in quel periodo 
un esemplare venne distrutto nella scena finale del film e gli altri tre vennero rubati  il modello danneggiato fu alla fine riparato  ed è attualmente esposto presso il National Motorcycle museum  di Anamosa nell'Iowa  ed è diventato il chopper per antonomasia  e può dirsi che ha influenzato altri modelli Harley  prodotti negli anni successivi

Nessun commento:

Posta un commento