martedì 10 marzo 2015

harley Davidson la storia - il sogno diventa realtà

Ne 1902  uno dei fratelli di Arthur il ventiseienne Walter lavorava nelle ferrovie  dopo aver fatto l'apprendista macchinista a Milwaukee e aver poi lavorato  negli stati del Kansas e del Texas
Uni girono  a Parons nel Kansas mentre stava riparando una locomotiva il suo lavoro fu interrotto dall'arrivo di una lettera di Arthur  che lo invitava ad andare a collaudare un prototipo  di recente messo  a punto insieme all'amico
Dal momento che doveva recarsi a Milwaukee per partecipare al matrimonio del fratelle William Walter decise che avrebbe collaudato la prima Harley-Davidson  in quella occasione
Tuttavia al suo arrivo  trovo la motocicletta ancora da montare  poiché in realtà Arthur e William contavano su di lui per l'ultimo tocco  quello di uno specialista
Compiaciuto egli accettò  senza difficoltà di collaborare  ma solo durante le ore libere
La progettazione e la costruzione procedettero  rapidamente nonostante  la necessità di  lavorare ogni pezzo a mano  perché il prototipo  doveva essere pronto per le prove  della primavera del 1903
La casa di famiglia cominciava a diventare troppo stretta per un'impresa del genere  e un amico comune prestò loro la sua officina  e gli attrezzi tra i quali un tornio e una pressa
Finalmente il primo esemplare venne realizzato e collaudato
La leggenda vuole che  il carburatore di questa prima moto fosse stato realizzato a partire da una latta di conserva di pomodoro aneddoto che  peraltro  non è contraddetto da nessun documento  dell'epoca
Comunque  il comportamento su strada del mezzo si rivelò soddisfacente  grazie al motore  di 400 centimetri cubi che sviluppava  tre cavalli
La trasmissione secondaria avveniva  mediante una cinghia  di cuoio  che procurava una piacevole sensazione durante la guida  ed era facile da montare
La velocità valutata in 40 chilometri  orari si rivelò discreta  ma la potenza del motore rimaneva ancora insufficiente perché la moto potesse risalire un tratto ripido di strada
Il veicolo appena collaudato  fece loro capire  inoltre che il motore  applicato a una bicicletta non la trasformava  automaticamente ad una moto  in quanto pedali freno  e sterzo  non erano stati concepiti  per funzionare  con un motore
William S: Harley dovette quindi  mettersi al tavolo da disegno e studiare  le dimensione giuste per un telaio  avvolgente  che sostituisse quello della bicicletta  occorreva cambiare  la dimensione delle ruote  aumentare l'alesaggio  e la corsa del motore oltre che al diametro del volano
Per conferire alla moto  un carattere più famigliare  Janet decorò la moto  con quelli che sarebbero diventati i colori  della Harley Davidson  il logo da lei creato  in quell'occasione fu  conservato fino al 1925 solo il colore delle lettere cambiò  mentre il colore rosso originale non venne mai  completamente abbandonato
il 1903 è un anno importante nella storia della marca Harley Davidson perché venne lanciata sul mercato la prima motocicletta
Nel 1904 vennero costruiti  e venduti tre esemplari  con motore monocilindrico  e trasmissione secondaria  a cinghia e furono venduti prima di essere costruiti
La prima  divenne importante perché il suo acquirente  Meyer  percorse 9.655 chilometri   mentre il secondo  George Lyon raddoppiò di gran lunga il percorso con ben 24.140 chilometri
IL dottor Webster ne fece 28.970
Ma quello che ne fece di più fu  Stephen Sparrow  superò tutti gli altri facendone 51.500  aveva un motore  di due cavalli una cilindrata di 405 centimetri cubi  una bobina di accensione  di 3 e 6 pollici  e un carburatore  che gli consentiva di   passare da 8 a 72 chilometri  orari
la trasmissione era assicurata da una cinghia di cuoio  piatta  il serbatoio  aveva la capacità di 5,6 litri  le ruote avevano  un diametro di 28 pollici  e i freni erano a contropedale  il modello  di colore nero era stato venduto a 200 dollari
La moto offriva un comfort di guida notevole e fu battezzata "
Silent Grey Fellow " cioè silenziosa compagna grigia
malgrado le difficoltà materiali dovute alla mancanza di denaro  decisero di  ampliare l'officina
e migliorarono sempre di più

Nessun commento:

Posta un commento